AI DevwWrld Chatbot Summit CYSEC Global Cyber Security & Cloud Expo World Series Digital Identity & Authentication Summit Middle East Low Code No Code Summit TimeAI Summit

Steganografia audio: nascondere e rivelare informazioni

Sfruttare l'arte dell'indistinguibilità: il nuovo volto della steganografia audio

L'articolo parla della pratica della steganografia nel nascondere informazioni nei file audio e delle diverse tecniche utilizzate. Si menzionano anche le contromisure e gli strumenti disponibili per rilevare la presenza di informazioni nascoste.

Contribute to spreading the culture of prevention!
Support our cause with a small donation by helping us raise awareness among users and companies about cyber threats and defense solutions.

This pill is also available in Italian language

La pratica della steganografia, ovvero del nascondere informazioni all'interno di file audio, sta diventando sempre più diffusa grazie alla popolarità e alla disponibilità di questi tipi di file nella società moderna. L'obiettivo principale è quello di sfruttare le "zone d'ombra" dell'orecchio umano per mascherare le informazioni nascoste senza causare degradazioni udibili nel file originale. Diversi algoritmi vengono utilizzati per inserire i dati segreti nel file audio, a seconda del dominio di appartenenza, come il tempo, la frequenza o i codec utilizzati.

Tecnica del coding LSB per nascondere informazioni nel dominio del tempo

Una delle tecniche più comuni utilizzate per nascondere le informazioni in un file audio è il coding LSB (Least Significant Bit) nel dominio del tempo. Questa tecnica prevede la sostituzione del bit meno significativo del file cover con il bit dell'informazione da nascondere, mantenendo la qualità audio sostanzialmente inalterata. La capacità di nascondere dati dipende dal numero di campioni audio nel file e dalla frequenza di campionamento. Se correttamente utilizzato, il coding LSB può nascondere un elevato quantitativo di informazioni, anche se la sua estrazione può essere relativamente semplice.

Altri algoritmi per nascondere informazioni nel dominio della frequenza o dei codec

Oltre al coding LSB, esistono anche altre tecniche per nascondere informazioni nei file audio. Ad esempio, una tecnica nel dominio della frequenza sfrutta la capacità dell'orecchio umano di non percepire frequenze "deboli" vicino a frequenze "forti". Questo principio è simile al formato MP3, ma applicato alle frequenze. Un'altra tecnica è la Spread Spectrum, che codifica e distribuisce le informazioni segrete negli spettri di frequenze disponibili. Nel dominio dei codec, è possibile utilizzare l'approccio In-encoder embedding, in cui il messaggio segreto e lo streaming audio si concludono nell'encoder per creare un file stego.

Strumenti per rilevare la steganografia audio

Esistono diversi strumenti per rilevare la presenza di informazioni nascoste all'interno dei file audio. Ad esempio, è possibile utilizzare analisi statistiche per individuare anomalie nei file o programmi come StegDetect e JPHide per cercare tracce di occultamento. Inoltre, strumenti come SonicVisualizer consentono di analizzare il contenuto dei file audio per individuare eventuali informazioni nascoste. L'uso di strumenti come binwalk, che può individuare informazioni nascoste in immagini e file audio, può essere anche un'alternativa utile per identificare la presenza di occultamenti. È importante conoscere queste tecniche e strumenti per preservare la sicurezza e la privacy delle informazioni all'interno dei file audio.

Follow us on Twitter for more pills like this

11/02/2023 07:37

Editorial AI

Last pills

Global blow to cybercrime: a major ransomware network has fallenCybercriminal organization busted: a success for global cybersecurity

Crisis in aviation: Rosaviatsia targeted by cyberattackCyber attack exposes vulnerability of Russian aviation sector

Introduction to the new SysJoker threatIn-depth analysis reveals evolutions and risks of SysJoker cross-platform malware

Cybersecurity strategies compared between Taiwan and JapanStrengthening digital defenses in the information age