AI DevwWrld Chatbot Summit Cyber Revolution Summit CYSEC Global Cyber Security & Cloud Expo World Series Digital Identity & Authentication Summit Asian Integrated Resort Expo Middle East Low Code No Code Summit TimeAI Summit

Nuova onda di ransomware mira a infrastrutture IT

Sicurezza cibernetica in allerta: nuovi rischi per le infrastrutture virtualizzate

MRAGENT è un nuovo ransomware che prende di mira server VMware ESXi, gestito dalla cyber-gang RansomHouse. Questi attacchi minacciano la sicurezza dei dati aziendali e richiedono misure di protezione come backup e aggiornamenti software.

This pill is also available in English language

Il panorama della sicurezza informatica è costantemente alla prese con nuovi strumenti di attacco, ultimamente è emersa una nuova minaccia che colpisce infrastrutture virtualizzate critiche. Un nuovo strumento maligno, noto come MRAGENT, sembra mirare specificamente ai server VMware ESXi, una piattaforma di hypervisor leader a livello mondiale utilizzata per ottimizzare risorse IT e fornire una maggiore flessibilità. Questa nuova tipologia di ransomware è stata identificata da gruppi di ricerca specializzati in cyber-security, che hanno rilevato una preoccupante facilità d'uso nello strumento, aumentando significativamente il rischio di attacchi anche da operatori non esperti.

RamsomHouse: nuova organizzazione di cybercriminali

MRAGENT è stato collegato a RansomHouse, un'organizzazione criminale emergente nel settore dei ransomware. Questo collettivo ha guadagnato attenzione per la sua attività, evidenziata da analisi tecniche approfondite e report dettagliati che segnalano la loro presenza in rete. Mentre alcune organizzazioni di cyber-attacco operano con un modello basato su ransomware-as-a-service (RaaS), RansomHouse pare adottare una strategia più focalizzata e controllata nella diffusione delle proprie risorse malevoli, selezionando attivamente i bersagli e gestendo direttamente gli attacchi.

Conseguenze per le aziende: integrità dei dati a rischio

I server VMware ESXi gestiscono un volume considerevole di macchine virtuali (VM) e dati critici per le operazioni aziendali quotidiane. Un attacco riuscito generato attraverso MRAGENT potrebbe quindi avere conseguenze devastanti, mettendo a rischio l'integrità dei dati e la continuità operativa delle aziende colpite. La compromissione dell'infrastruttura virtuale comporta non solo potenziali enormi perdite finanziarie ma anche un danno reputazionale significativo e potrebbe influire sulla conformità ai regolamenti sulla privacy dei dati, come il General Data Protection Regulation (GDPR) nell'Unione Europea.

Strategie di mitigazione e protezione

Di fronte all'escalation di simili minacce sofisticate, è fondamentale che le aziende adottino strategie proattive di mitigazione del rischio e di protezione dei sistemi. La realizzazione di backup regolari e offline, la segmentazione della rete, l'aggiornamento costante dei sistemi e la formazione del personale sulle migliori pratiche di sicurezza informatica, rappresentano misure chiave per salvaguardare gli asset digitali. Inoltre, il monitoraggio continuo delle reti per intercettare segnali di attività sospette e una rapida risposta ad incidenti sono elementi critici nella strategia di difesa contro il ransomware e altri tipi di malware.

Follow us on Facebook for more pills like this

02/16/2024 10:14

Editorial AI

Last pills

Career opportunities in Italian intelligence: entering the heart of securityFind out how to join the intelligence forces and contribute to national security

Hacker attack impacts Microsoft and US federal agenciesNational security implications and strategic responses to credential theft

Implications and repercussions of the serious cyberattack on the Lazio NHSConsequences and punitive measures after the ransomware attack that brought the regional healthcare system to its knees

Telecommunications security: flaw exposes conversations and 2FA to the risk of interceptionRisk of privacy violation through call diversion: measures and industry responses