AI DevwWrld Chatbot Summit Cyber Revolution Summit CYSEC Global Cyber Security & Cloud Expo World Series Digital Identity & Authentication Summit Middle East Low Code No Code Summit TimeAI Summit

Nightshade: l'arma segreta degli artisti contro l'abuso delle intelligenze artificiali

Un nuovo modo per difendere la creatività artistica: Nightshade e la sua congiura contro l'abuso delle IA generative

Nightshade è uno strumento rivoluzionario che protegge le opere artistiche dall'abuso delle intelligenze artificiali generative. Agisce avvelenando i modelli di IA, rendendo i risultati imprecisi e inutilizzabili per le aziende tecnologiche. Gli artisti possono riprendersi il controllo grazie a questo strumento.

Contribuisci a diffondere la cultura della prevenzione!
Sostieni la nostra causa con una piccola donazione aiutandoci a sensibilizzare utenti e aziende sulle minacce informatiche e sulle soluzioni di difesa.

This pill is also available in English language

Nightshade è uno strumento rivoluzionario che consente agli artisti di proteggere le proprie opere dall'uso non autorizzato delle intelligenze artificiali generative. Sviluppato da un team di ricercatori dell'Università di Chicago, Nightshade permette di "avvelenare" i modelli di IA, causando risultati imprecisi ed inutilizzabili per le aziende tecnologiche. Questo strumento fornisce un deterrente per contrastare la violazione dei diritti d'autore da parte delle IA, consentendo agli artisti di riprendersi il controllo.

Il funzionamento di Nightshade e i suoi effetti sui modelli di IA

Nightshade funziona attraverso la modifica invisibile dei pixel delle opere artistiche prima del caricamento online. Anche se queste modifiche sono impercettibili all'occhio umano, gli effetti sono significativi per i modelli di IA che utilizzano queste opere per addestrarsi. Ad esempio, un'immagine di un cane può essere trasformata in un gatto o un'auto in una mucca. Nightshade può agire su ogni concetto simile, influenzando le parole correlate alle immagini. Questa "avvelenamento" dei modelli IA aiuta a proteggere le creazioni artistiche dagli abusi delle aziende che le utilizzano senza permesso.

La visione del team di ricerca e l'integrazione con Glaze

Il team dietro Nightshade mira a riequilibrare il potere a favore degli artisti, offrendo loro uno strumento per difendersi dagli abusi delle aziende tecnologiche. Nightshade sarà integrato con Glaze, un altro strumento utilizzato dagli artisti per proteggere il proprio stile artistico dalle imitazioni delle IA. Questa integrazione consentirà agli artisti di scegliere se "avvelenare" l'IA o semplicemente nascondere il proprio stile. Nightshade è anche open source, permettendo ad altri sviluppatori di apportare modifiche e creare nuove versioni dell'strumento.

Le sfide e le precauzioni nell'utilizzo di Nightshade

Anche se Nightshade offre un modo efficace per proteggere le opere artistiche dall'utilizzo non autorizzato da parte delle IA, ci sono alcune sfide e precauzioni da considerare. Ad esempio, c'è il rischio che Nightshade possa essere utilizzato in modo malintenzionato. Tuttavia, il team ritiene che siano necessari migliaia di campioni per "avvelenare" un modello di IA di grandi dimensioni. Inoltre, è ancora da sviluppare una difesa robusta contro questo tipo di attacchi. Nonostante ciò, Nightshade si presenta come uno strumento promettente per aiutare gli artisti a proteggere le proprie opere dall'abuso delle intelligenze artificiali generative.

Seguici su Google News per altre pillole come questa

30/10/2023 18:46

Editorial AI

Ultime pillole

Risposta di LockBit alle azioni dell'FBILa rivincita tecnologica di LockBit: aggiornamenti e consapevolezze post-attacco

La tenace attività di LockBit malgrado le indagini globaliSfide e contromisure nella guerra al grupo cyber criminale LockBit

Avast sanzionata per vendita illegittima di dati webMulte e restrizioni imposte alla società di sicurezza informatica per uso scorretto di dati personali

KeyTrap: falla DNSSEC individuata da ricercatoriLa vulnerabilità mette a rischio la stabilità del DNSSEC