AI DevwWrld Chatbot Summit Cyber Revolution Summit CYSEC Global Cyber Security & Cloud Expo World Series Digital Identity & Authentication Summit Middle East Low Code No Code Summit TimeAI Summit

Sicurezza digitale: il pakistan e L'AI

Strategie AI avanzate contro la minaccia cyber in Pakistan

Esperti a Karachi sottolineano il ritardo del Pakistan nella sicurezza cibernetica e propongono l'uso di AI per prevenire attacchi informatici con alta precisione.

Contribuisci a diffondere la cultura della prevenzione!
Sostieni la nostra causa con una piccola donazione aiutandoci a sensibilizzare utenti e aziende sulle minacce informatiche e sulle soluzioni di difesa.

This pill is also available in English language

In una conferenza a Karachi, diversi esperti intervenuti hanno messo in luce il divario digitale del Pakistan, evidenziando come il paese sia indietro di oltre due decenni rispetto allo standard globale in materia di sicurezza cibernetica. L'appello è stato per un avanzamento rapido attraverso l'adozione di sistemi di sicurezza predittivi basati sull'Intelligenza Artificiale (AI), capaci di anticipare attacchi con una precisione fino al 90%.

Innovazioni IA e contrasto alla criminalità informatica

Durante il convegno "AI per la Sicurezza Cibernetica" organizzato dall'Istituto Pakistano degli Affari Internazionali (PIIA), Ammar Hussain Jaffri, ex capo del Centro Nazionale di Risposta ai Crimini Informatici (N3RC), ha condiviso esperienze sull'utilizzo dell'AI per rilevare anomalie in documenti come passaporti falsi, sottolineando come queste tecnologie possono individuare irregolarità all'interno delle banche dati nazionali.

La difesa da attacchi informatici complessi

Rahim Ali, CTO di un'azienda di outsourcing internazionale, ha esposto come il paese non sia attualmente preparato alla guerra cibernetica. Ha descritto scenari in cui reti informatiche compromesse possono portare a conseguenze drammatiche quali il blocco dei media elettronici e l'interruzione delle infrastrutture civili, delineando una strategia di attacco sistematico nota come "fire sale".

Le sfide dell'etica e della sicurezza nell'era digitale

Una professionista IT, Maliha Masood, specializzata in risk management e sicurezza delle informazioni, ha discusso la dicotomia tra i cosiddetti "attori buoni" del cyberspazio, vincolati a norme e standard rigidi, e gli "attori cattivi", i quali operano senza restrizioni. Ha quindi evidenziato come la percezione di privacy nel mondo digitale sia illusoria. Gli esperti hanno inoltre trattato l'importanza di sviluppare armamenti indigeni per ridurre i rischi di manipolazioni tramite IA.

Seguici su Threads per altre pillole come questa

12/11/2023 10:49

Editorial AI

Ultime pillole

Risposta di LockBit alle azioni dell'FBILa rivincita tecnologica di LockBit: aggiornamenti e consapevolezze post-attacco

La tenace attività di LockBit malgrado le indagini globaliSfide e contromisure nella guerra al grupo cyber criminale LockBit

Avast sanzionata per vendita illegittima di dati webMulte e restrizioni imposte alla società di sicurezza informatica per uso scorretto di dati personali

KeyTrap: falla DNSSEC individuata da ricercatoriLa vulnerabilità mette a rischio la stabilità del DNSSEC